E l'Uomo
(2009)
Ispirato a Jesus Christ Superstar
Regia di Franco Millefanti

Vi siete mai chiesti, distesi nei vostri letti caldi o seduti alla vostra tavola imbandita, fino a che punto le verità assolute ci siano state svelate e dove comincia quella linea quasi impercettibile che divide la realtà dall’illusione? Avete mai sentito i vostri cervelli e i vostri cuori bruciare, stretti nell’incertezza di dubbi che vi legano con la potenza di mille fili taglienti nella carne viva? Qual è, per voi, il confine tra vero e falso, tra giusto e sbagliato,tra approvazione e congiura? Avete mai pensato che, infondo, parlare di religione può significare anche parlare di politica? E la religione è una bassa politica abilmente mascherata da virtuosi valori o è il rifugio a cui tornare quando si è nell’incertezza e nella disperazione? Vi sentite veramente onesti con la vostra fede o vi illudete nell’abbagliante luminosità di scintillanti promesse? E la condanna o il perdono, il peccato o l’espiazione, l’errore o la virtù, il bene o il male, sono ormai rinchiusi e nascosti nelle profondità più remote del baule della vostra coscienza o li soppesate, alla fine di ogni giornata, nelle vostre mani? Perché se la colpa è il destino dell’umanità nel suo senso più infinito, solo un uomo ne ha pagato il conto? Ma se invece di duemila anni fa, lui fosse venuto al mondo, diciamo, mezzo secolo fa, quale impatto sociale avrebbe avuto Avrebbe ottenuto lo stesso risultato? Quale potere avrebbe tentato di fermarlo? Quello del materialismo marxista o quello del liberismo capitalista? O addirittura, si sarebbero coalizzati insieme? E gli anarchici l’avrebbero considerato il loro esponente di punta o, sentendosi minacciati dal suo carisma, l’avrebbero combattuto? Chi era veramente quell’uomo? Con quali occhi l’avete guardato voi? E nei suoi occhi, cosa c’era prima che lo inchiodassero come un ladrone? Avrà mai tremato, pianto e odiato per l’incubo che lo attendeva? Per chi tutto questo? Per cosa? Avrà mai avuto paura del suo destino? E voi, avete paura?

Irene

Personaggio
Interprete
und-0
Vittorio Uboldi
und-1
Benny FIgini
und-2
Paolo Delfino
und-3
Claudio Millefanti
und-4
Giovanni Ghioldi
und-5
Massimo Formenton
und-6
Sara Magliocca
und-7
Cinzia Sinigaglia
und-8
Davide Borghi
und-9
Elena PIazza
und-10
Renato Sanvito
und-11
Marco Pisoni
und-12
Loris Sciacchitano
und-13
Sonia Premoli
und-14
Gianluca Rosa
und-15
Mara Millefanti
und-16
Guido Bernasconi
und-17
Paolo Guffanti
und-18
Francesco Borroni
und-19
Daniele Guffanti
und-20
Davide Pagani
und-21
Giusy Vanzina
und-22
Federico Caironi
und-23
Federica Guffanti
und-24
Lorenzo Reina
Ruoli artistici e tecnici
Aiuto regia
Laura Pagani
Graziella Ceriani
Scenografia
Tino Bogani
Audio
Dario Cortellezzi
Luci
Marco Pagani
Costumi
Federica Vago
Cinzia Sinigaglia
Trucco
Luigia Galli
Foto - video
Fabrizio Pisoni
Anno: 
2009
Autore: 
Jesus Christ Superstar
Regia: 
Franco Millefanti
Descrizione: 

Vi siete mai chiesti, distesi nei vostri letti caldi o seduti alla vostra tavola imbandita, fino a che punto le verità assolute ci siano state svelate e dove comincia quella linea quasi impercettibile che divide la realtà dall’illusione? Avete mai sentito i vostri cervelli e i vostri cuori bruciare, stretti nell’incertezza di dubbi che vi legano con la potenza di mille fili taglienti nella carne viva? Qual è, per voi, il confine tra vero e falso, tra giusto e sbagliato,tra approvazione e congiura? Avete mai pensato che, infondo, parlare di religione può significare anche parlare di politica? E la religione è una bassa politica abilmente mascherata da virtuosi valori o è il rifugio a cui tornare quando si è nell’incertezza e nella disperazione? Vi sentite veramente onesti con la vostra fede o vi illudete nell’abbagliante luminosità di scintillanti promesse? E la condanna o il perdono, il peccato o l’espiazione, l’errore o la virtù, il bene o il male, sono ormai rinchiusi e nascosti nelle profondità più remote del baule della vostra coscienza o li soppesate, alla fine di ogni giornata, nelle vostre mani? Perché se la colpa è il destino dell’umanità nel suo senso più infinito, solo un uomo ne ha pagato il conto? Ma se invece di duemila anni fa, lui fosse venuto al mondo, diciamo, mezzo secolo fa, quale impatto sociale avrebbe avuto Avrebbe ottenuto lo stesso risultato? Quale potere avrebbe tentato di fermarlo? Quello del materialismo marxista o quello del liberismo capitalista? O addirittura, si sarebbero coalizzati insieme? E gli anarchici l’avrebbero considerato il loro esponente di punta o, sentendosi minacciati dal suo carisma, l’avrebbero combattuto? Chi era veramente quell’uomo? Con quali occhi l’avete guardato voi? E nei suoi occhi, cosa c’era prima che lo inchiodassero come un ladrone? Avrà mai tremato, pianto e odiato per l’incubo che lo attendeva? Per chi tutto questo? Per cosa? Avrà mai avuto paura del suo destino? E voi, avete paura?

Irene

Interpreti: 
Interprete: 
Vittorio Uboldi
Interprete: 
Benny FIgini
Interprete: 
Paolo Delfino
Interprete: 
Claudio Millefanti
Interprete: 
Giovanni Ghioldi
Interprete: 
Massimo Formenton
Interprete: 
Sara Magliocca
Interprete: 
Cinzia Sinigaglia
Interprete: 
Davide Borghi
Interprete: 
Elena PIazza
Interprete: 
Renato Sanvito
Interprete: 
Marco Pisoni
Interprete: 
Loris Sciacchitano
Interprete: 
Sonia Premoli
Interprete: 
Gianluca Rosa
Interprete: 
Mara Millefanti
Interprete: 
Guido Bernasconi
Interprete: 
Paolo Guffanti
Interprete: 
Francesco Borroni
Interprete: 
Daniele Guffanti
Interprete: 
Davide Pagani
Interprete: 
Giusy Vanzina
Interprete: 
Federico Caironi
Interprete: 
Federica Guffanti
Interprete: 
Lorenzo Reina
Scenografia: 
Tino Bogani
Audio: 
Dario Cortellezzi
Luci: 
Marco Pagani
Foto - video: 
Fabrizio Pisoni
Costumi: 
Federica Vago
Cinzia Sinigaglia
Trucco: 
Luigia Galli
Aiuto regia: 
Laura Pagani
Graziella Ceriani
Locandina: 
Etichetta autore: 
Ispirato a